Tuesday, February 25, 2014

Decisions, decisions!


E' ormai da qualche mese che lavoro come Pastry Chef Assistant (ok, il titolo me lo sono data io per sentirmi piu' importante) di chef Demmerda.  E' un lavoro stancante ma che mi permette di lasciare libera la mia parte creativa, e i miei colleghi, uno zoo, mi fanno morire dal ridere. Ci sarebbe da andare al lavoro solo per il comic relief che questi, spesso involontariamente, offrono.
Diverse settimane fa, in un raro momento di bonta', ho preso in considerazione l'idea di comprare delle cipolle per fare la famosa zuppa al Gentleman che me la chiedeva da secoli. Mi stavo recando al lavoro e non volevo perdere tempo a fermarmi in un negozio per due retine di cipolle, mi ripetevo mentalmente "Mi fermo o non mi fermo... mi fermo o non mi fermo..." finche' i buoni sentimenti, aiutati anche dall'apparire all'orizzonte di un supermercato molto piu' piccolo di Walmart, hanno preso il sopravvento e mi sono fermata.
Mentre camminavo piu' veloce della luce verso le cipolle, sento una voce che mi chiama. "Ma'am, ma'am!" Mi giro, penso che mi sia caduto qualcosa e mi blocco. Si avvicina un tizio e si presenta: e' il manager del negozio, mi fa un bel discorsetto e mi dice che sta cercando dei collaboratori per la catena di supermercati per cui lavora, e cinque in particolare per la sede in cui mi trovavo io.  Ormai americanizzata (e di fretta), gli chiedo di scusarmi per l'interruzione e gli spiego che prima di perdere tempo in inutili chiacchere voglio sapere quanto e' la paga ad ore. Non si scompone e mi risponde sciorinando anche tutti i vari benefits che questo lavoro offre.  Rimango a bocca aperta, prendo il suo biglietto da visita e due applications, una per me e una per Maria, la mia collega messicana, e vado via.  
Arrivo al lavoro un po' sconvolta, una cosa del genere in Italia non credo mi sarebbe mai capitata, una persona che mi ferma e mi offre un lavoro. Le uniche proposte che mi e' capitato di ricevere da sconosciuti sono state di carattere moralmente poco edificante e senza nemmeno il prospetto della retribuzione economica!
Questo supermercato vende, tra le varie cose, pane e dolci della loro marca, e poiche' quando il tizio mi aveva fermata avevo addosso la giacca da chef, immaginavo che mi volesse per quel tipo di mansione. Senza pensarci piu' di tanto, chiamo il tizio e prendo appuntamento per un colloquio per me e per Maria.
Durante l'intervista il manager mi spiega che il pane non lo fanno in quella sede e un po' mi passa l'entusiasmo, sono sempre stata incuriosita dalle produzioni industriali, al punto tale che guardo spesso il programma "How it is made," lo trovo davvero interessante.
Dopo aver letto sull'application le mie esperienze lavorative e scolastiche, dice che potrei fare un training e iniziare come shift manager per poi continuare a fare carriera. Maria, che e' da poco diventata "legale" e ha sempre lavorato in nero, avrebbe iniziato da zero per poi salire se meritevole.
Questo supermercato e' parte di una catena tedesca, io ci vado nel periodo di Natale perche' trovo lo stollen e i dolci speziati, e nel periodo di Pasqua per gli insetti e i conigli di cioccolato. Chi ha abitato in Germania sa di cosa parlo, solo vederli mi mette una strana felicita'. Proprio perche' si tratta di un negozio con sede in Germania, i dipendenti vengono trattati quasi con gli stessi diritti dei dipendenti delle sedi europee.
  
Questo e' quello che il lavoro al supermercato offre a chi parte da zero:

Minimum Wage $10.50 durante la settimana e $11.50 di domenica
Il Minimum Wage e' la cifra minima che un datore di lavoro paga ad un dipendente per ogni ora di lavoro. Varia da stato a stato e in alcuni casi anche a seconda dei lavori, in Georgia e' di $7.25 per i lavori senza mancia e di $2.13 per i lavori che ricevono mance, tipo camerieri etc.
Matching 401K
Il 401K e' un piano pensionistico, alcune compagnie versano lo stesso tanto (matching) che il lavoratore versa nel fondo, fino ad un cifra massima prestabilita.
Assicurazione sanitaria
Assicurazione dentale
Chiropratico
Due settimane all' anno di ferie PAGATE 
Feste comandate (Natale etc.) in cui il negozio e' chiuso PAGATE

E questo e' quello che offre il mio lavoro al ristorante:

Oltre alla paga oraria, che se stai male e non puoi andare al lavoro non ti pagano,
Nulla

Mi sono trovata a dover prendere una decisione, una persona di buon senso avrebbe scelto la prima opzione, il supermercato. Io ho deciso di seguire la mia passione e continuare a imparare a fare dolci e pane. Ci ho pensato su per tanto tempo, non credo sarei stata felice facendo un lavoro che non mi piace anche se ben retribuito e con tutti quei benefits, si vive una sola volta no?  E comunque per ora sono coperta da una assicurazione abbastanza buona, speriamo duri.

22 comments:

  1. Se sei coperta da una buona assicurazione e quel lavoro ti piace, non vedo perche' tu debba cambiare. Poi, sara' che ormai sono entrata nella modalita' americana, ma come sai meglio di me qui non e' che ogni lasciata e' persa, nel senso che come ti ha fermato per strada il tizio per offrirti un lavoro, avrai altre possibilita' di trovarne uno se deciderai di cambiare!

    ReplyDelete
  2. Certo che i benefits erano notevoli!

    ReplyDelete
    Replies
    1. A me piaceva tanto l' idea di avere il chiropratico!

      Delete
  3. Si, brava! Così poi puoi postare un sacco di ricette. Certo che per un italiano non avere la mutua è inconcepibile...

    ReplyDelete
    Replies
    1. Non mi sono abituata all' idea nemmeno io che ormai abito qui da secoli.

      Delete
  4. Appoggio pienamente la tua scelta. Non mi sono mai pentita di aver rifiutato un lavoro sicuro e ben pagato in un'assicurazione per stare ora qui a farmi venire idee per sbarcare il lunario. La propria serenità è più importante di qualsiasi guadagno.
    p.s. quanto fa strano di questi tempi sentir parlare di decisioni da prendere su quale dei due lavori scegliere...
    p.s.2 che bello rileggerti dopo tanto tempo!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. E' un lavoro che mi piace tanto, l'unico neo e' lo chef e I suoi modi.

      Delete
  5. Che sogno... veramente invidio chi ha potuto mollare tutto e con tanti sacrifici trasferirsi all'estero. Parlo da disoccupata che come ultima esperienza ha avuto un lavoro in nero e svariati stipendi ancora in attesa di essere saldati dopo un anno, a volte mi domando a cosa valgano tanti sacrifici qua in Italia.

    In bocca al lupo, seguire le proprie passioni è sempre la scelta giusta!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Anche qui pero' abbiamo chi lavora in nero, in genere sono stranieri senza documenti sfruttati da altri stranieri.

      Delete
    2. Qua invece siamo italiani per lo più plurilaureati...
      :-P

      Delete
  6. Scelta dura, però concordo: quando avrai acquisito più esperienza potrai puntare a un lavoro ancora migliore!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Spero di imparare tanto, anche se solo per ricchezza personale e non economica.

      Delete
  7. Hai fatto bene! Se hai la fortuna di avere già una buona assistenza sanitaria è meglio continuare a fare una cosa che ti piace :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Si, per fortuna, almeno per ora, ho una buona copertura sanitaria tramite il lavoro di mio marito.

      Delete
  8. Sei stata coraggiosa a continuare il lavoro che stai facendo, nonostante tutto! Stima!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie, io credo che piu' che coraggio il mio sia stato sapere di avere il c**o coperto dall' assicurazione di mio marito. Se non avessi avuto quella probabilmente avrei optato per il lavoro al supermercato.

      Delete
  9. Wow, la cosa che mi sconvolge di più è non la tua scelta, anch'io avrei scelto quello che mi gratificava di più ;), è stato il fatto che il manager ti abbia chiamato così nel supermercato, davvero O_o, qui come ben saprai c'è davvero più crisi di come c'e sempre stata, mancano persino i colloqui figurarsi qualcuno che ti accalappia così nel suo negozio.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Anche a me la cosa ha sconvolto parecchio, figurati che ero convinta di aver perso qualcosa in cammino, la prima cosa che ho fatto quando ho capito che il tizio si stava rivolgendo a me e' stato controllarmi le tasche per vedere che non mi fossero cadute le chiavi!

      Delete
  10. che occasione! sembrava una scena da film .. hai fatto bene a seguire la tua strada cmq :)

    ReplyDelete
  11. Hai la mia stima! Se facessero tutti come te il mondo andrebbe meglio e le persone sarebbero tutte più sorridenti! :)

    ReplyDelete